mercoledì 5 ottobre 2011

"Sette autisti, un'automobile indiana" di Giorgio Ricci

Recensione di Paola Annoni
Ci sono scrittori bravi nel loro mestiere, che sanno mettere le parole giuste al posto giusto e le virgole quando servono. Ci sono fotografi che sanno prendere fedelmente i momenti, gli attimi che rimarranno impressi nella memoria di chi guarderà la foto. E poi ci sono persone così, come Giorgio Ricci che hanno il dono di fotografare con le parole il mondo che stanno vivendo. "Sette autisti e un'automobile indiana" (14€) è un meraviglioso mosaico multicolore del viaggio lungo 42 giorni dell'autore attraverso il cuore dell'India: sette capitoli, sette autisti. Vite che si intrecciano con il racconto della sua vita che spinge sullo sfondo. Spesso i racconti sembrano ingarbugliarsi, e sembrare troppo forti e colorati… ma è come mettere in bocca un qualsiasi piatto della cucina indiana: confuso, forte, piccante, speziato, che ti resta più nella memoria che sul palato.
La bellezza del viaggio che racconta sta nell'onestà delle sue sensazioni: parla di "compensazione dopo l'ennesimo shock indiano", è spesso sgomento di fronte alla povertà e agli stili di vita del mondo che ha scelto per sconvolgergli l'anima. Assimila, scopre i suoi limiti, si innamora senza esasperare quel "essere illuminato" dalla cultura e dalla saggezza indiana.Un viaggio dentro se stesso, un viaggio sulla strada. Un viaggio di cui tutti, dopo aver letto il libro, vorremmo seguire le orme.

9 commenti:

  1. Una splendida recensione. La più adatta al libro così come me lo immagino dopo aver letto la recensione appunto.

    RispondiElimina
  2. Che bello spunto!
    Penso che sarebbe anche una meravigliosa idea regalo.
    Baci

    RispondiElimina
  3. Hai ragione, Eva! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. vale sempre la pena leggere sull'india si scopre un mondo sempre nuovo e affascinante

    RispondiElimina
  5. Questa tua recensione invoglia ad acquistarlo. Grazie

    RispondiElimina
  6. Non è mia, Tiziana. L'ho letta , mi è piaciuta e così ho voluto proporre il libro corredato da questa recensione di Paola Annoni che, come dici tu, induce a volerlo leggere.
    Ciaooo

    RispondiElimina
  7. Sì, Carmine, a me piace molto l'Oriente..

    RispondiElimina
  8. interessante! Mi piace il tema del libro (il viaggio) e anche l'ambientazione (India) quindi credo proprio che lo comprerò (e lo regalerò pure!)

    RispondiElimina

Grazie