mercoledì 4 gennaio 2012

Attese lunghe in aeroporto.

Spesso può capitare, durante i voli intercontinentali, di dover  fare delle soste forzate di molte ore in attesa di una coincidenza. A me è capitato a Dubai per volare a Shanghai, sia all'andata che al ritorno. Tutte le poltrone delle sale di attesa erano occupate per cui  non facevamo altro che camminare  in attesa che qualcuno partisse o eravamo costretti ad andare a consumare presso qualche bar ma anche qui quasi  tutti i posti a sedere erano occupati.
In America hanno avuto l'idea di creare, all'interno dell'aeroporto,  delle stanze molto piccole dotate di  poltrone letto, scrivania e TV dove poter trascorrere in santa pace   i cosiddetti "buchi" prima dell'imbarco. 
Questo servizio viene attualmente offerto dalla compagnia Minutes Suites negli aeroporti di Atlanta e Philadelphia. Il prezzo  si aggira sui 30 dollari per un'ora e scende  in caso di soste più lunghe.
E nella nostra Europa? Sì, anche qui esiste un servizio simile che viene garantito  dalla società Yotel negli aeroporti londinesi  di Heathrow e Gatwick ed in quello di Schiphol ad  Amsterdam. 

Lo Sheremetyevo International Airport  di Mosca ha inaugurato delle 'sleepbox'  e l'aeroporto di Monaco ha installato delle 'napcabs', 'cabine per il pisolino'. slide1Le Sam's Snooze sono invece le cabine disponibili all'Indira Gandhi International Airport di Nuova Deli.

E voi, andreste a riposare in una di queste eleganti scatole?

16 commenti:

  1. Curiosa ed importante informazione di viaggio Erika...
    come si dice "se non lo si prova, non si conosce"...sereno rientro..
    un abbraccio..
    dandelìon

    RispondiElimina
  2. Grazie Dandelion! Ti abbraccio anch'io.

    RispondiElimina
  3. L'idea è molto interessante. Dalle foto non riesco a identificare la dimensione di questi "box". Non saranno troppo piccoli? Non si soffrirà di claustrofobia?

    RispondiElimina
  4. sometimes we need a small place to rest!



    Aloha from Waikiki
    Comfort Spiral

    > < } } ( ° >

    ><}}(°>

    RispondiElimina
  5. Aloha from Italy, dear Cloudia!

    RispondiElimina
  6. In effetti non sono molto grandi, Ambra, e penso che non siano troppo adatte a chi soffre di clastrofobia.
    Salutone.

    RispondiElimina
  7. Sì penso proprio che in caso di necessità la utilizzerei molto molto volentieri...è importantissimo riuscire a riposare durante il viaggio per arrivare a destinazione belli freschi!!!...queste mini stanze sono molto invitanti...

    RispondiElimina
  8. è vero certe volte è una situazione insostenibile

    RispondiElimina
  9. Sì, cara Giovanna, è proprio così ed il brutto è che il tempo non passa mai.
    Ciao

    RispondiElimina
  10. Nella mini suites di Philadelphia sicuramente... per le altre credo che avrei problemi di spazio (non sono piccolina, come avrai capito per cui alla fine nemmeno riuscirei ad entrarci!!!!)

    RispondiElimina
  11. Ma dai, Paola, tu ce la faresti di sicuro !!!1
    Ciaooo e buona serata.

    RispondiElimina
  12. Mmmm...un po' mi preoccupa il senso di soffocamento....ma, certo, se sei in emergenza stanchezza ben venga: io ho dormito una volta seduta nella polvere e con la schiena appoggiata a un palo!

    RispondiElimina
  13. Sì, in effeti sembrano un po' piccolini. Sandra , quando si è stanchi si dorme ovunque.

    RispondiElimina
  14. Sono un po' piccoli in effetti! Ma se li mettessero anche in città per una "pennichella" pomeridiana dopo il pranzo per esempio, li utilizzereste?

    RispondiElimina
  15. No, in città, proprio no. Non amo dormire il pomeriggio. Voglio vivere intensamente la mia vita..... Ciao Anonimo

    RispondiElimina

Grazie