lunedì 5 novembre 2012

Diario di viaggio in Madagascar ( IV parte)


lago
 Ed  eccomi a raccontarvi la nostra quarta escursione. Questa volta siamo andati a fare il giro  di Noisy Be in macchina, non più in barca. Accompagnati dal bravissimo Yankee (spesso  le guide usano degli pseudonimi perchè i loro veri nomi sono difficili per noi) ci siamo diretti verso la cima del Monte Passot da cui abbiamo potuto vedere un lago vulcanico  in cui nuotavano diversi coccodrilli. Tutti'intorno tanta vegetazione ed anche delle colture e sulla riva del lago alcuni pescatori impavidi. Da questa altura si possono ammirare dei tramonti indimenticabili. Ai margini della strada camminavano uomini e donne che si recavano a lavorare nei campi.
Le abitazioni sono   di legno, con tetti ricavati dalle palme e  sono sollevate dal terreno perchè durante la loro estate piove e ci sono anche delle inondazioni e cicloni. Vivono per lo più in una sola stanza,  tutti insieme. Prima si sposavano giovanisimi, soprattutto le ragazze. Ora c'è una legge che vieta  le unioni prima dei 18 anni.

 zebù



 riso
 L'antenna della tv è fatta con il cerchione della bici



Yankee ovvero la nostra guida
granchi
Di qui ci siamo spostati verso il capoluogo dell'isola: Hell-Ville.  Tante bancarelle con pesce freschissimo e  donne fasciate da abiti coloratissimi con in braccio i loro bei bambini e con sul capo ceste  contenenti prodotti alimentari acquistati al mercato. Tanta povertà, case fatiscenti ma tanti volti felici. Siamo andati a fare un giretto anche nel variopinto mercato generale  e più sopra potete vedere i granchi freschi, ancora ricoperti di fango, che erano in vendita.

All'ora di pranzo ci siamo recati al residence Les Cocotiers, costruito dai francesi ma ormai in stato di abbandono, purtroppo, dove abbbiamo consumato dei panini e della pasta fredda e qui siamo stati ospitati dal console onorario italiano Luciano Uboldi. La spiaggia del residence si chiama Bellevue e un nome migliore non poteva averlo. Guardate queste foto

Luciano Uboldi è uno dei promotori di un progetto umanitario per la costruzione del   Centro sanitarario Santa Maria  della Grazia  inaugurato nel mese di aprile. Nell'isola l'assistenza sanitaria  non è prevista per cui molte persone non possono curarsi e così sono nati , grazie al volontariato, dei centri  a cui tutti posssono rivolgersi.
Un'altra famosa benefattrice, nota come Manina, vive  a Nosy Be dal 2001. Manina è una ex insegnante di filosofia che un giorno ha deciso di andare in vacanza  in quest' isola e poi  si è innamorata della natura, dei bambini e così, con diversi aiuti e tanta volontà, ha costruito ben 200 scuole ( anche l'istruzione qui  è riservata a chi ha denaro), case per anziani, ambulatori. Nel 2011 RAI 3 le ha dedicato un reportage interessante ed il mese scorso il Wall Street International Magazine ha parlato di lei in  un articolo..
Ma ritorniamo al nostro tour. Nelle foto sopra potete vedere dove  le donne  lavano i panni e dove li stendono.  E  da questa strada ci siamo recati in un villaggio dove abbiamo visto veramente tanta miseria.  Qui donne, bambini e uomini spaccano le pietre che raccolgono in una cava vicina. Lavorano tutto il giorno per trasformare i sassi in ghiaia,servendosi di  attrezzi manuali, per poi   rivenderli all'industria edilizia e ricavare 50 centesimi a sacco. La maggior parte di questa gente è malata, stanca. Non è concepibile che nel 2012 ci siano ancora delle  persone  che per sopravvivere debbano essere costrette a svolgere questo mestiere.
Poi ci siamo diretti verso le cascate di Ampasindava.


Molti abitanti del luogo, soprattutto ragazzi e bambini si tuffavano, nuotavano,  si bagnavano a vicenda.Tutt'intorno tanta vegetazione di un verde smeraldo, uno spettacolo  da paradiso terrestre.

Avete mai sentito parlare del fiore Ylang Ylang? Di Chanel n°5 certamente sì.... Ebbene dovete sapere che Coco Chanel  venne a Nosy Be  e decise di utilizzare questo fiore per ottenere il fissatore per il suo celebre profumo. E' un fiore profumatissimo la cui fragranza assomiglia a quella del nostro bergamotto. Oggi lo ritroviamo anche nel profumo Poison di Dior, Ferré di Ferré ed altri.
Ma Nosy Be  mi ha dato la possibilità di vedere anche dei camaleonti di diverse tonalità

Sono giunta anche  oggi al termine della mia puntata. Se non vi ho  ancora annoiati  continuate a seguirmi perchè la prossima volta vi condurrò a Nosy Iranja.
Per le prime parti del mio diario di viaggio potete cliccare qui
Le foto sono tutte state scattate da me  

24 commenti:

  1. Che viaggio meraviglioso! "Tanta povertà, case fatiscenti ma tanti volti felici" questo che tu dici traspare dai volti delle persone che hai fotografato. E' triste però che proprio nella natura più bella ci sia la più grande povertà.

    RispondiElimina
  2. Sì, Ambra. Visono in un paradiso terrestre ma in condizioni misere. Purtroppo questa è la realtà. Ciao

    RispondiElimina
  3. Bellissime le tue fotografie, deve essere un posto meraviglioso!!
    Felice inizio settimana...ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giancarlo. E' vero ci sono dei posti stupendi che abbiamo visto.

      Elimina
  4. Questi scatti di vita quotidiana hanno un fascino indescrivibile...sai cogliere attimi preziosi, Erika. Che meraviglia questo viaggio!

    RispondiElimina
  5. Erika...è tutto incantevole. Che stupendi scatti...Erika. Un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grzie Carla!! Abbraccio anche a te.

      Elimina
  6. Ma tu guarda che notizie interessanti che ci orti da quel lontano paese. Compresa la curiosità sul profumo di mademoiselle Coco ricavato dal fiore ylang-ylang. Grazie per i tuoi diari sempre così dettagliati. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a te cara Tiziana! Un abbraccione

      Elimina
  7. strabilianti questi posti,tutti con il loro fascino!
    Ps
    Spero che non sia niente di importante...o preoccupante.
    Lu

    RispondiElimina
  8. Grazie Erika. Grazie a te un pezzo di Madagascar e' arrivato fino a me.. E non lo lascerò piu andar via ...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son contenta che ti sia piaciuto il mio racconto, cara Vaty. Ciaooo

      Elimina
  9. che dire se non...vorrei esserci stata anch'io in un posto così! ;)

    RispondiElimina
  10. Son contenta che ti piaccia, Barbara! Ciao

    RispondiElimina
  11. ...ciaso erika mi soffermo su un particolare, forse minore, le evsti delle donnne sono incantevoli, quelle fantasie quei colori, irresistibili...grazie per essere passata da me, ti chiedo gentilmente di provare a rivedere se riesci a visualizzare un bacio ady
    Look and the City, H2O Fashion added

    RispondiElimina
  12. Un angolo di Mondo così diverso e così suggestivo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non i soliti posti, Costantino.... Grazie della visita.

      Elimina
  13. deve essere un posto splendido, chissà che un giorno non ci possa andare anche io !Un abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo auguro Chiara perchè è bellissimo.

      Elimina
  14. Love the pictures. you really manage to capture the essence of the places you visit :) by the way, i'm using panasonic 7-14mm for landscape, and panasonic 25mm for close-up shots :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks a lot dear Fiziskandarz.
      kisses

      Elimina

Grazie