venerdì 20 gennaio 2023

Lubiana, Bled, Villach

Nel mese di dicembre  scorso ho desiderato vedere un po' di mercatini natalizi  poichè un tempo, con mio marito, ci   si andava sempre in questo periodo.

Ho scelto un tour in Slovenia che comprendeva una visita alle Grotte di Postumia,  che non avevo mai visto, Lubiana, Villach (Austria). Siamo partiti con un bus gran turismo dalla mia città, ovvero Bari, ed abbiamo trascorso una  notte a Ravenna. Il giorno successivo siamo partiti alla volta delle Grotte di Postumia.   Io abito in Puglia per cui conosco molto bene le Grotte di Castellana che ho visitato diverse volte ma devo confessare che quelle di Postumia sono molto più affascinanti. La prima parte del percorso,  di circa 3,7 km,  la si fa a bordo di un trenino che sfreccia a tutta velocità attraversando sale sotterranee, gallerie mentre si ammirano paesaggi calcarei fiabeschi......Si trattta dell'unica ferrovia al mondo sotterranea a due binari.

Una volta arrivati a destinazione   si inizia un percorso a piedi in compagnia di una guida esperta che illustra le caratteristiche delle  stalagmiti e stalattiti che appaiono alla nostra vista man mano che ci si sposta. Anche qui, come a Castellana Grotte, l'acqua ha  un ruolo importante nella formazione di queste rocce. La temperatura è costante  ma è consigliabile coprirsi  bene per l'umidità. Il pavimento è costituito da cemento ruvido per cui non si rischia di scivolare. Ci sono dei tratti in salita ma ci si può aiutare  mantenendosi a dei corrimani. La visita complessiva dura 90 minuti e alla fine si riprende il trenino per raggiungere l'uscita. Lo stillicidio dell'acqua che cade dall'alto modella continuamente la forma di queste rocce che assumono delle strane forme,  spesso paragonate a figure umane o ad animali. C'è una grotta dove, sul soffitto,  si sono formati dei sottilissimi  fili bianchi per cui è stata denominata Grotta degli Spaghetti. La più grande e bella stalagmite, alta 5 metri,   è denominata Brilliant. Esiste anche La Sala dei Concerti che ha una superficie di 3000 m² e qui si sono esibiti famosi cantanti tra cui il tenore   Boccelli.

In questo mondo sommerso e buio vive un piccolo animaletto  che viene chiamato cucciolo di drago perchè, un tempo,  si credeva che nelle Grotte  di Postumia vivesse un enorme, spaventoso  drago. Si tratta del Proteus Anguinus.

Le foto  le ho dovute scattare senza flash per cui non sono molto chiare e poi dovevamo procedere velocemente mentre la guida spiegava.

All'esterno delle grotte ci sono diversi luoghi di ristoro ed anche un hotel. 

In serata abbiamo raggiunto Lubiana  e qui abbiamo alloggiato all'Hotel EXE LEV che si trova abbastanza vicino al centro cittadino.





Il giorno successivo siamo stati al lago di  Bled ma la vacanza è stata rovinata da una pioggia incessante  che ha reso difficile  la traversata sulle tipiche imbarcazioni a remi chiamate Pletne. Siamo stati costretti a coprirci con mantelle impermeabili o ad usare ombrelli. Eravamo tutti imbacuccati, goffi  e,  anche  a causa di una fitta nebbiolina,   non abbiamo potuto ammirare, durante la navigazione, tutto il magnifico paesaggio che accompagna abitualmente i viaggiatori verso la  pittoresca isola in cui si trova  la chiesa della Madonna sul Lago. Una volta sbarcati si  ha  davanti  una scalinata costituita da 99 gradini. In alto c'è una chiesetta e  si dice che chi sale sul campanile e suona la campana vedrà esauditi i propri desideri. Io non sono salita anche perchè il costo di 10 euro mi è sembrato eccessivo.
 



 




 
 


 

Faceva molto freddo e, visto che i mercatini erano chiusi, io ed altri compagni di viaggio ci siamo rifugiati in un locale dove ci siamo riscaldati, asciugati ed abbiamo gustato  una buonissima cioccolata calda con panna ed la famosa  Kremna Rezina, nota anche come millefoglie di Bled. 





Nel primo pomeriggio abbiamo raggiunto Villach, una cittadina  situata all'estremità meridionale della Carinzia. 

Abbiamo attraversato  il tunnel delle Caravanche che collega la Slovenia e l’Austria e questo è  il tunnel stradale più lungo della Repubblica di Slovenia con una lunghezza di 7864 metri. Appena fuori,  ai nostri occhi si è presentato un paesaggio innevato e quindi siamo passati dalla pioggia alla neve...... Giunti alla stazione, il  nostro bus ci ha lasciati ed abbiamo raggiunto il centro con la  guida. Devo dire che sono rimasta delusa dalle bancarelle natalizie perchè per anni in Germania, in Francia ne avevo ammirate di bellissime e particolari. Qui,  invece, solo roba da mangiare. Son riuscita a trovare delle belle palle di Natale nella  famosa pasticceria Rainer dove ho acquistato anche i famosi cioccolatini denominati "Palle di Mozart". La neve rendeva tutto fiabesco ma avevamo  tutti un po'  il timore  di scivolare. Nel tardo pomeriggio siamo ripartiti  verso Lubiana. 
Villach



Ultimo giorno visita di  Lubiana ma anche questa giornata rovinata dalla pioggia che non mi ha permesso di fare riprese e di scattare delle belle foto.
Siamo stati accompagnati da una guida locale che ci ha parlato della nascita di Lubiana e della Slovenia. Piazza Prešeren è la più importante  e porta il nome del poeta a cui è dedicata la statua che si trova proprio qui.
E' bagnata dal fiume Ljubljanica ed è attraversata da un triplice ponte che  collega la parte medievale con la parte moderna. Molto colorato il mercato centrale ricco di prodotti ortofrutticoli   freschi locali. In realtà oltre a quello scoperto esiste anche un altro mercato coperto ovvero quello che sorge dentro il  Colonnato di Plečnik e qui si vendono prodotti caseari , carni, pesce e fiori. Alle spalle della Cattedrale di San Nicola c'erano molti fioristi che, in occasione delle festività natalizie, avevano le bancarelle cariche di vischio, rami di abete, composizioni  varie e le ghirlande di Natale da appendere alla porta o da usare come centro tavola. Io non ho potuto fare a meno di acquistarne una formata da pigne  e rami intrecciati di Thuja con delle piccole bacche viola scuro. L'ho usata come centro tavola dopo averla  sistemata su una alzatina di vetro trasparente di mia mamma (avrà quasi cento anni) con al centro una bella candela rossa.
Plečnik è stato un architetto che ha regalato  a Lubiana  una nuova immagine della città.  Ha pianificato una serie di palazzi tra i più importanti della città e ristrutturato numerosi edifici già esistenti. E' lui che ha ideato il  Tromostovje (Triplice ponte) e il Ponte dei calzolai, il mercato centrale, la Biblioteca Nazionale e Universitaria. 
Dopo che la guida ci ha lasciati sono andata in giro un po' da sola e, poichè faceva molto freddo e pioveva......,mi son rifugiata in una bella pasticceria e sala da tè. Ho preso un tè con latte, proprio come fanno gli inglesi, e un éclair (pasticcino francese). Poi ho acquistato degli alberelli di Natale di cioccolata molto carini  per me e da portare come souvenir.
Ho scoperto  anche un'altra pasticceria dove si vendevano le Palle del drago  perchè dovete sapere che Lubiana non voleva essere da meno  della sua vicina Austria. Per competere con le famose Palle di Mozart hanno creato quelle del Drago che è il simbolo di Lubiana.
Per quanto riguarda la bancarelle di Natale anche qui son rimasta delusa perchè  c'erano solo tante cineserie. Nulla a che vedere con le bellissime bancarelle dei mercatini   tedeschi o francesi.
Purtoppo il maltempo non mi ha permesso di girare a lungo per cui  mi son ritirata in hotel e il giorno successivo siamo ripartiti verso Bari.
Penso che la città l'avrei apprezzata molto  di più se non avesse piovuto tanto. Bisognerebbe  ritornarci  in  primavera o in estate.
piazza Prešeren



France Prešeren

mercato centrale con portici

Kremna Rezina - https://www.croazia.info/slovenia/lago-di-bled/
Kremna Rezina - https://www.croazia.info/slovenia/lago-di-bled/
Kremna Rezina - https://www.croazia.info/slovenia/lago-di-bled/
Secondo un’antica leggenda l’area su cui ora si trova il lago di Bled era un tempo composta da un grande manto erboso che aveva al centro una montagnola. Quest’area era utilizzata dalle fate per ballare ma anche da alcuni pastori per fare pascolare le greggi. Affinché il manto erboso non scomparisse, le fate chiesero ai pastori di recintare un’area attorno alla montagnola in modo che loro potessero continuare a ballare sull’erba. I pastori, però, non ascoltarono la loro richiesta e purtroppo una sera una delle fate durante una danza inciampò e si ferì un piede. Questo episodio fece molto arrabbiare le fate che grazie ai loro poteri fecero sì che i fiumi e i torrenti della zona allagassero la valle lasciando solo una montagnola sulla quale le fate potevano ballare indisturbate. Questa, quindi, sarebbe la leggenda dietro la nascita del bellissimo Lago di Bled. - https://www.croazia.info/slovenia/lago-di-ble




Municipio di Lubiana (foto mia)

Fontana dei tre fiumi carniolani  

Accademia Filarmonica

Università

Cattedrale di San Nicola

domenica 27 novembre 2022

Candele a Candelara 2022

 

Questa manifestazione  si svolgerà a Candela, Borgo autentico d'Italia,   dal  26 novembre all’11 dicembre (nei giorni di sabato 26 e domenica 27 novembre, sabato 3 e domenica 4 dicembre per arrivare al ponte  dell’Immacolata per quattro giorni consecutivi giovedì 8, venerdì 9, sabato 10 e domenica 11)

Si potrà  visitare  il mercatino natalizio che si svolge nell’antico borgo medievale, sulle colline attorno a Pesaro,  dove ogni sera la luce  verrà  spenta per lasciare posto a migliaia di  candele  accese. L'atmosfera che si vivrà sarà unica e suggestiva grazie a due spegnimenti programmati dell’illuminazione elettrica di 15 minuti ciascuno (alle 17.30 e 19).

Come  si usa fare nei  paesi del Nord Europa,  ad ogni week-end dell'Avvento  verrà accesa una candela.  E così nel primo week-end verrà accesa La candela del Profeta”; a seguire La candela di Betlemme”; La candela dei Pastori”; “La candela degli Angeli”. Sarà inoltre possibile assistere, dal vivo,  alla preparazione di candele di cera d’api, come avveniva nel Medioevo.

All'ingresso del Castello  i bambini potranno   visitare la Bottega degli Elfi con i laboratori dove   realizzaranno,   con  creta, cera, carta, legno,  addobbi e figure tipiche del  Natale.

Per poi passare alla casa di Babbo Natale allestita su tre piani in un palazzo del '600 con all'interno il Museo del Giocattolo ( Ingresso 7 euro, bambini fino a 2 anni gratis).

Con un trenino sarà poi possibile effettuare un mini percorso di visite guidate partendo dalla suggestiva Pieve del XII secolo  che,  nei giorni della manifestazione,  si potrà visitare  tra le 10:30 e le 15:30 e per cui sarà necessaria prenotazione: Lucilla 328 0526028

L’ingresso alla manifestazione sarà di 3,00 euro fino alle 13; dopo le 13 euro 5,00 (per i minori di 10 anni l’ingresso è gratuito).

Ci si potrà rifocillare all'interno  di  una struttura riscaldata con i piatti della tradizione locale.

https://youtu.be/VX2fl0dYALs