martedì 24 settembre 2013

Diario di viaggio a Santorini (luglio 2013)

Mio marito ama moltissimo il mare   e tanti anni fa, ogni estate, andavamo in Grecia portandoci dietro la nostra barchetta con cui  perlustravamo le coste della varie isole.
Nel mese di gennaio ho scoperto che  la compagnia aerea Volotea avrebbe collegato Bari con Santorini e Mykonos. Una volta facevamo la traversata con il traghetto e poi proseguivamo con la  macchina. Santorini era il nostro sogno da sempre ma non eravamo mai riusciti a visitarla . Noi viviamo a Bari e  per raggiungerla via aerea saremmo dovuti   partire da Roma o Milano. Troppo distante e dispendioso. Santorini è l'isola più meridionale delle Cicladi. Furono i Veneziani a dare all'isola il nome di Santorini nel XIII secolo, dedicandola a Santa Irene. Prima di allora era conosciuta come Kallisti, Strongili o Thera.
E così, quando ho letto questa notizia ed ho visto che i prezzi erano convenienti, ho deciso di prenotare. Il volo ci è costato 270 euro  a/r in due. Poi mi son messa a cercare un hotel e ne ho trovato uno che costava  303 euro per sette notti +colazione sempre per due. Ho prenotato subito con Booking.com con pagamento all'arrivo in hotel. Siamo partiti il 12 luglio  ed abbiamo raggiunto questa splendida isola in circa un' ora e mezza. Il volo è stato ottimo. All'arrivo abbiam preso un taxi che ci ha portati a Kamari dove si trovava il nostro  hotel.
Il villaggio di Kamari  si trova nella parte sud orientale di Santorini, a circa 12 km dal capoluogo Fira.

La  lunghissima spiaggia  di sabbia  nera si trova proprio difronte all'albergo. Caffè, ristoranti,  hotel  discoteche, negozi di abbigliamento, bigiotterie,  si susseguono uno dopo l'altro sul lungomare  dove si ammirano file di ombrelloni di paglia e lettini di tutte le forge.   Un ombrellone e due lettini costavano solo 5 euro per tutta la giornata. L'acqua è cristallina ma il fondale è subito molto profondo.L'aeroporto è talmente vicino che gli aerei (ne passano centinaia nel corso di una giornata),  quando atterrano, volano  sul mare e sulla spiaggia, proprio  sopra  i bagnanti ed io sinceramente avevo qualche timore....
Il giorno successivo  siamo andati a prenotare delle escursioni  e prima fra tutte una mini crociera sul caicco King Thira  per vedere il tramonto di Santorini e la caldera. Ci hanno condotti  con il bus,  attraverso una strada molto ripida, ricca di curve ma spettacolare,  fino al porto di Athinos dove ci siamo  imbarcati sul caicco che ha costeggiato l'isola e così abbiamo potuto ammirare le rocce vulcaniche dai colori che variano dal rosso al marrone, dal grigio al bianco... e naturalmente la caldera  che è una laguna  rettangolare e tutte le bianchissime   costruzioni e le cupole azzurre delle chiese ed  alcuni mulini a vento   che dominano la parte alta delle scogliere.
Abbiamo cenato a bordo e poi abbiamo atteso l'ora del tramonto i cui colori sono stati veramente fantastici.Ho scattato tante foto man mano che il sole scendeva sull' orizzonte ed i colori del cielo mutavano dall'arancio al rosso fuoco, dal fucsia al rosa pallido.
C'è anche un'altra escursione, sempre col caicco, che porta all'isola di Nea Kameni che  si trova all'interno della caldera. E' visitata ogni giorno da decine di imbarcazioni. Si può risalire al cratere centrale, a 130 metri d'altezza, tramite un sentiero ghiaioso. E  dicono che il vulcano è ancora attivo perchè il suolo è molto caldo. Alla fine ti conducono in una baia raggiungibile a nuoto (bisogna tuffarsi dal caicco)  dove l'acqua raggiunge la temperatura di 37° ed è di origine sulfurea ed infatti ha un colore giallastro che,  han detto, macchia i costumi da bagno.
La domenica abbiam preso il bus locale ed abbiamo raggiunto  la capitale Fira.  
E' qui che ci si diverte fino a tarda notte, è qui che si trovano gli hotel più lussuosi dell'isola dove si possono spendere anche più di 1000 euro a notte.
Siamo andati in giro attraverso  le strette stradine ricche di negozi di cui alcuni molto raffinati. Questa è la località più famosa dell'isola ed infatti  si incontrano turisti provenienti dal tutto il mondo. Nel porto vecchio omonimo arrivano i turisti che vengono fatti sbarcare dalle navi da crociera. Noi lo abbiamo raggiunto con la funicolare (8 euro a testa). Avremmo desiderato risalire a piedi  percorrendo i ben 587 gradini per godere del magnifico panorama ma dovete sapere che il paese si può raggiungere anche a dorso di mulo per la modica cifra di 5 euro. Noi abbbiamo tentato di infilarci tra i muli parcheggiati all'inizio del percorso pedonale ma abbiamo desistito perchè ogni tanto arrivava qualche turista  a dorso di un mulo a tutta velocità  ed era pericoloso proseguire. Siamo ridiscesi con grande rammarico  ed abbiamo ripreso la funicolare ( altri 8 euro a testa...). Una  volta sù ci siamo diretti a piedi verso i villaggi vicini di Firostefani ed Imerovigli che ci sono piaciuti molto di più per la tranquillità che vi regna ed infatti qui non arrivano quasi mai i crocieristi.Siamo stati colpiti dal bianco accecante delle abitazioni, dall'azzurro delle cupole delle numerosissime chiesette, dal bleu delle imposte, dall'architettura elegante degli hotel, dall'arredamento raffinato dei locali, dal panorama mozzafiato sulla caldera, dalle scogliere multicolori.
Un altro giorno lo abbiamo trascorso nella splendida spiaggia di Perissa che abbiamo raggiunto in circa mezz'ora  a bordo di una motobarca spendendo  4 euro a testa. Qui il mare è sempre calmo, la spiaggia  di soffice sabbia nera è super attrezzata con ombrelloni e lettini molto eleganti ed i prezzi sono sempre molto  convenienti.
Abbiamo cenato  in alcuni  locali sul lungomare e nella parte interna di Kamari dove c'era meno caos.  Qui si spendeva sui 25 euro in due. Il pranzo lo abbiamo quasi sempre saltato perchè facevamo un'abbondante  colazione e poi sulla spiaggia prendevamo una ciambella e ci dissetavamo con  il loro famoso caffè "frappé" che ci veniva servito  sotto l'ombrellone.
Dovevamo fare un'escursione alla spiaggia "Kokkini Paralia" detta Red beach creatasi grazie all'erosione delle rocce che la circondano e alla spiaggia Lefki Paralia chiamata White beach per la finissima sabbia bianca ma sfortunatamente quel giorno il mare era molto mosso per cui l'imbarcazione non è potuta partire.
Un altro giro lo abbiamo fatto con la guida July che ci ha condotti in alcuni siti archeologici a Mesa Gonia dove abbiamo visto delle tipiche  vecchie abitazioni  abbandonate ed in rovina. I tetti delle costruzioni a Santorini sono rotondi, arcuati ed io ho chiesto alla guida il motivo perchè in tutta la Grecia non ne avevo mai visti di simili. Lei mi ha risposto che ci sono diverse ragioni ma la più importante è che quando un soffitto è ricurvo le scosse telluriche vengono attutite e a Santorini le scosse ci sono quasi sempre anche se non vengono avvertite. E poi dal tetto curvo la pioggia scende meglio e viene incanalata in un pozzo per poi essere utilizzata. Tappa successiva a  Megalochori  che significa Grande Villaggio dove oggi vivono non più di 150 persone ed anche qui abbiam visto chiese a case bianchissime. Il luogo è famoso per la produzione del famoso Vin Santo di Santorini.
E per  finire la serata siamo andati ad Oia da cui abbiamo ammirato ancora una volta  un magnifico  tramonto.
IOS
L'ultimo giorno abbiamo deciso di navigare verso  l'isola di Ios, patria di Omero..Ci siamo imbarcati su un  catamarano e dopo circa un'ora e  mezza di navigazione siamo sbarcati a Chora che è la capitale. Ci siamo inerpicati per  le  strette stradine fiancheggiate da case bianche, negozietti ricchi di artigianato locale. Anche qui chiesette dalle cupole  azzurre, vecchi mulini a vento e, all'ombra di una bougainville gigantesca,  abbiamo sorseggiato un  "frappé".
Poi le guide ci hanno condotti in una delle  dieci spiagge più belle d'Europa "Mylopotas", una spiaggia dalla sabbia dorata e qui abbiamo fatto il bagno e  preso il sole fino al tardo  pomeriggio quando siam dovuti rientrare.
Avendo visitato altre isole greche posso dire che Santorini non ha un mare spettacolare ma quello che la rende unica è la sua architettura cicladica.
Ed ora un po' di foto tutte scattate da me

















10 commenti:

  1. Sempre più decisa a visitare questo luogo stupendo!!! UN posto magico...e che foto!!!
    Cinzia

    RispondiElimina
  2. Erika ma a te non piace solo viaggiare ma ti piace anche fare fotogrfafie e ci riesci molto bene perché dalle splendode foto sembra di trovarci davanti a dei luoghi da favole.La tua ottima e dettagliata descrizione del viaggio e del soggiorno in quei magnifici luoghi è perfetta.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
  3. Cet endroit est magique et tu as su prendre de très belles photos !
    MERCI Erika !
    J'adore le bleu bien particulier de la Grèce !
    GROS BISOUS et encore merci pour ce partage.

    RispondiElimina
  4. Erika tu non solo sei una fotografa eccezionale, basta guardare lo splendore di immagini che ci hai qui proposto, ma sei assolutamente incredibile nella tua abilità di trovare voli e soggiorni a prezzi stracciati. Sei bravissima.

    RispondiElimina
  5. Bellissime foto, Erika! Sei bravissima!!! É stato un piacere fare questa conoscenza di Santorini con te. Grazie della condivisione. Abbraccio.

    RispondiElimina
  6. Un petit bonjour ensoleillé envoyé de l'autre bout du monde jusqu'à chez toi !!!
    Je t'embrasse et je te souhaite une belle journée chère Erika !

    RispondiElimina
  7. Bella Santorini molto bella ricordo delle foto bellissime.. come le tue
    Maurizio

    RispondiElimina
  8. mi sarebbe piaciuto molto visitare la Grecia...un po è come se l'avessi fatto,grazie a te
    Lu

    RispondiElimina
  9. Ciao del Belgica, bellissimo blog.

    RispondiElimina
  10. Je viens te souhaiter un excellent dimanche !
    GROSSES BISES d'Asie pour toi chère Erika et meilleures pensées amicales !

    RispondiElimina

Grazie