sabato 29 ottobre 2011

Diario di viaggio a Bruxelles e Bruges



Durante un fine  settimana di qualche tempo fa siamo stati  a Bruxelles. Ryanair assicura un collegamento diretto da Bari ma i prezzi erano sempre abbastanza elevati finchè non ne ho trovato uno convenientissimo: 28 € A/R per due persone per cui  non ho potuto fare a meno di prenotarlo. 
Siamo arrivati nel primo pomeriggio all'aeroporto Charleroi da cui abbiamo raggiunto la città in tre quarti d'ora con le autolinee Lelan. I biglietti a/r li avevo acquistati via internet, grazie al consiglio di Alessandro del blog Girovagate, al prezzo di 22 euro a/r invece di 26 a persona (questo tragitto ci è venuto a costare più del volo) e quindi abbiamo risparmiato in due 8 €.L'aereo è arrivato in ritardo ma noi, grazie alla prenotazione internet, abbiamo avuto la precedenza su tutti coloro che erano in fila e che avevano acquistato il biglietto  alle macchinette all'uscita dall'aeroporto, difronte alla fermata del bus.  Il pullman vi porterà difronte  alla Gare du Midi, all'interno della quale potrete     prendere la metro e spostarvi in base alle vostre esigenze. Il biglietto per il ritorno si può anche  acquistare direttamente dall'autista sempre alla Gare du Midi. Se effettuate la prenotazione via internet dovrete scegliere un orario  per la partenza ma avrete diritto ad un margine di mezz'ora prima  o dopo l'ora scelta. Calcolate che sono necessari circa tre quarti d'ora per raggiungere l'aeroporto e quindi  considerate  bene quanto tempo prima presentarvi per non perdere l'aereo.
Dalla Gare du Midi abbiamo preso la metro in quanto avevo scelto,  tramite booking.com, un hotel vicino alla Gare Centrale  e, prevedendo di usare la metro altre volte,  abbiamo acquistato una carte  10 voyages al prezzo di 12,50 € invece di 17,00. La fermata della metro si trovava a circa 10 minuti a piedi dal nostro hotel che era situato in una zona piena di alberghi  e a due passi dalla Stazione Centrale.
Dopo aver sistemato le valigie nella nostra camera  ci siamo subito diretti verso la famosa Grand-Place. E' un'enorme piazza dove tutt'intorno si affacciano palazzi uno più bello dell'altro. La vostra attenzione sarà attratta dalla guglia  del campanile dell'Hotel de Ville  sulla cui cima svetta la statua di Saint Michel, il santo patrono della città. Difronte si ammira il Palais du Roi, superbo edificio neo-gotico,  sede del Musée de la Ville consacrato al passato di Bruxelles.E qui si trova il guardaroba del Manneken Pis, il famoso bambino che fa la pipì,  simbolo di Bruxelles. Anche noi  siamo andati a  cercarlo   ed un giorno l'abbiamo visto nudo ed un altro con un abitino bianco. Nella Grand-Place poi ci sono  tutt'intorno  le Case delle Corporazioni e tanti ristoranti, cioccolaterie e, sotto i portici dell 'Hotel de Ville, l'Ufficio  Informazioni Turistiche dove ho ritirato gratuitamente, sempre su consiglio di Alessandro, la mappa  USE.IT ( una mappa per giovani viaggiatori redatta da gente del posto con consigli utilissimi,).
Questa è una mappa della Grand-Place:



Lungo il percorso ci siamo spostati dal centro storico verso il quartiere della Borsa, il Teatro de La Monnaie. Il Palais de Justice  è  uno dei più grandi palazzi di giustizia del mondo, uno dei più grandi edifici in pietra del pianeta ed ha una superficie  di poco superiore alla Basilica di San Pietro. 
Pensate che per costruirlo furono abbattute 3000 case.
A Bruxelles i ristoranti sono specializzati  soprattutto  in piatti di  pesce o molluschi come cozze e ostriche ma i prezzi sono  molto alti ( un piatto di  cozze 29 € , da noi un kg di cozze costa 3 €) e noi, poichè veniamo da un paese di mare e di pesce ne mangiamo spesso, abbiamo optato per  carne , insalate, le famose patatine fritte belghe, birra belga ( ce ne sono circa 2000) cioccolatini e naturalmente gaufres con panna, cioccolata calda e frutta fresca.
Il giorno successivo per prima cosa siamo andati a vedere l'Atomium (fermata Heysel, metro 6 direzione Roi Baudouin). Si tratta dell'attrazione  più popolare della Capitale dell'Europa che fu fatta costruire per l'Esposizione Universale di Bruxelles nel 1958.  Raffigura un cristallo elementare  di ferro ingrandito 165 miliardi di volte, allusione alla potenza dell'energia atomica  che si pensava di utilizzare per fini pacifici  e ancora oggi  simboleggia le idee di futuro e universalità dell' Expo del '58. Sono visitabili cinque delle  nove sfere.Una accoglie l'Esposizione permanente ed un' altra quelle temporanee. Dalla sfera superiore si può ammirare tutta Bruxelles e nei giorni sereni si può vedere anche Anvers. All'ultimo piano si trova un ristorante. La sera lo spettacolo è imperdibile in quanto il monumento viene illuminato da 2970 lampadine lampeggianti. Noi non l'abbiamo visto perchè il tempo a nostra disposizione era veramente limitato.Qui vicino c'è il Parco   Van Laken con  attrazioni per bambini come la Mini-Europe . A destra della stazione metro di cui vi ho parlato troverete il tram n° 7  (direzione Vanderkindere). Prendetelo e, arrivati alla terza fermata, ad  Araucaria, guardate a destra  e a sinistra con attenzione perchè ai vostri occhi si presenteranno dei graffiti meravigliosi che si possono ammirare solo dal tram per circa 3 km. Per fortuna non c'era molta gente per cui ho potuto alzarmi e scattare tante foto  delle quali devo dirmi soddisfatta. e per questo devo ringraziare ancora l'amico Alessandro .
Tappa successiva è stata il Parlamento Europeo. Se prendete la metro dovrete scendere a Trône e di qui andare sempre diritti fino a Place du Luxembourg  dove sorgono  i vari palazzi in  vetro del Parlamento Europeo.
Di nuovo la metro per andare a scoprire nel  quartiere di Saint -Gilles e Ixelles  i palazzi Art Nouveau. Noi non abbiamo potuto visitare il Museo Horta ospitato in due case disegnate dal famoso architetto  Victor Horta. Abbiamo visto  la Gare Centrale  che è stata portata a termine nel '52 su un disegno di questo architetto.
Potreste andare a curiosare  in Rue Américaine, Museo St. Gilles, Pavillon des Passions Humaines, Palais Stochet, Hotel Metropole . Nel tardo pomeriggio siamo ritornati verso la Grand-Place e di lì abbiamo cercato di individuare  il percorso delle Bandes Dessinées. Dovete sapere che dopo la Guerra nacquero proprio qui due riviste per ragazzi.  Tutti conosciamo  Lucky Luke o i Puffi, Tintin o Blake e Mortimer.
Fu così che si sviluppò la“Nona Arte Belga” caratterizzata da  un disegno lineare, ricco di colori.
A Bruxelles si possono  raggiungere , per approfondire le proprie conoscenze e se si è appassionati, il Centro Belga del Fumetto e La Casa del Fumetto. Qui potrete visitare le mostre, sostare nelle sale di lettura o nella caffetteria.
Dei 30 fumetti sparsi nel Percorso del fumetto noi siamo riusciti ad individuarne solo tre più uno in lavorazione.
La sera , dopo cena, siamo ritornati sulla Grand-Place per ammirarla tutta illuminata e naturalmente l'effetto è stato positivo. A poca distanza dal nostro hotel si ergeva la Cattedrale  dedicata a Saint Michel e a Sainte Gudula, un 'imponente costruzione in stile gotico.Abbiamo visitato durante il nostro itinerario anche la Chiesa di San Nicola e quella di Notre Dame du Sablon. 
Sempre a piedi abbiamo fatto un giro nel Parc di Bruxelles  con difronte il Palais Royal  e  poi ci siamo spostati  nella Place Royale
Il terzo giorno siamo partiti  a Bruges che dista   un'ora  da Bruxelles. Abbiamo preso il treno dalla Gare Centrale. Poichè era sabato, sempre seguendo il consiglio del bravo Alessandro, ho acquistato  due biglietti tariffa weekend. Per me un biglietto con riduzione del 50% sul prezzo del percorso (13,80 al posto di 27,60)  e per mio marito un biglietto over 65 (al prezzo di 5,30 A/R invece di 27,60).
Arrivati a Bruges ci siamo recati all'Ufficio  del Turismo per ritirare la cartina USE-IT di cui ho parlato già più su.
Bruges è una cittadina fiamminga medievale  molto romantica che viene definita da molti la Venezia del Nord ma io mi permetterei di aggiungere in miniatura. Una volta arrivati nel    Markt (o Grote Markt)    si notano le bellissime casette dai tetti a punta e a gradoni , tipiche delle città facenti parte della Lega Anseatica, il Palazzo del Tribunale Provinciale, Il Belfort, una torre da cui si può ammirare il panorama di Bruges (dovrete salire 366 gradini e pagare circa 10 €)  ma  noi abbiamo rinunciato perchè c'era una coda lunghissima e avremmo perso parecchio tempo.
Abbiamo preso la prima strada a  sinistra della torre e abbiamo raggiunto l'imbarcadero. Abbiamo fatto il giro dei canali a bordo di una barca a motore il cui marinaio dava spiegazioni in diverse lingue. Io mi sono messa sulla punta posteriore per poter scattare meglio le foto.
Questo percorso è stato molto romantico. Siamo stati fortunati perchè le condizioni atmosferiche erano ottime: sole caldo e cielo azzurrissimo;  eppure solo qualche giorno prima il meteo diceva che la pioggia non avrebbe  dato tregua. Naturalmente  abbiamo proseguito la visita a piedi  attraversando   i ponti a schiena d'asino, ammirando l'architettura dei campanili, delle chiese e delle abitazioni.
Verso l'ora di pranzo abbiamo sostato presso uno dei due furgoncini verdi che si trovano sotto il Belfort ed abbiamo acquistato delle ottime patatine fritte e di lì siamo andati verso una birreria  dove erano esposte tutte le birre di produzione belga: pensate che ce ne sono circa 2000 ed infatti anche noi non sapevamo cosa scegliere. A me piacciono molto le birre  d'abbazia, quelle preparate dai monaci, per cui abbiamo preso una  Leffe  bionda ed una bruna. Poi nel pomeriggio io ho voluto assaggiare la Kriek Boon, una birra rossa bruna  a cui vengono aggiunte delle  ciliegie (non succo).
Continuando il giro non  sono da perdere la Chiesa di Notre Dame dove si può ammirare la scultura "La Madonna con il bambino" di Michelangelo, la  Cattedrale di San Salvatore, la Piazza del Burg dove sorgono il Palazzo del Comune,  un edificio in stile gotico fiammingo, la Basilica del Sacro Sangue formata da due cappelle sovrapposte. Noi abbiamo visitato quella del piano superiore e ci siamo trovati proprio nel momento in cui veniva esposta la reliquia del Santo Sangue di Cristo e così ho avuto anch'io  la possibilità di toccarla.
Lungo la passeggiata non potrete non essere attratti dalle numerosissime cioccolaterie e dai negozi di merletti.
Avrei voluto recarmi  a Gand, anch'essa Patrimonio dell'Umanità dell'Unescoma non ce l'abbiamo fatta.
Un'altra meta interessante potrebbe essere Waterloo per scoprire il Campo di battaglia meglio conservato d'Europa dove si affrontarono  300.000 uomini di 7 nazioni
Fino al 24 febbraio 2012 a Bruxelles,  presso  il Museo delle Lettere e Manoscritti, inaugurato a settembre,  si terrà l 'Expo Simenon, uno dei più grandi scrittori belgi del XX secolo.
Inoltre  gli amanti dell'acquarello potranno visitare, fino  alla fine di quest'anno, la Mostra "Bruxelles à l'aquarelle"presso il Museo della Città di Bruxelles nella Grand-Place.
Non avrei mai pensato di trovare tante meraviglie anche perchè diverse volte avevo parlato con delle persone che ci erano state ma che erano rimaste indifferenti a tanto fascino e a tante ricchezze artistiche.
Se volete dare uno sguardo ad alcune delle foto che ho scattato durante questo nostro viaggio non vi resta che cliccare qui: (ricordatevi di spegnere  prima la Relax Music a sinistra):




22 commenti:

  1. Questo articolo (e tutti gli allegati ricavabili dai link), bisogna proprio stamparselo...e partire per Bruxelles. Sei un portento!!

    RispondiElimina
  2. Con te ho rivisitato le meraviglie di Bruges!
    Certo che i tuoi post e le tue foto sui viaggi denotano una "Cultura del Viaggio" che non è da tutti. Come tu dici spesso la gente viaggia solo perché si deve oppure perché ci si distrae, ma non "vede" per davvero quello che guarda.
    Un viaggio che non muove qualcosa nella tua anima non val la pena di essere fatto.

    RispondiElimina
  3. Grazie Sandra!Sempre tanto gentile.

    RispondiElimina
  4. Grazie Ambra!Anche tu sei troppo buona nei miei riguardi.
    L'altro giorno pensavo tra me e me e mi son detta che se potessi rinascere non farei più l'insegnante ma mi piacerebbe lavorare come guida turistica.

    RispondiElimina
  5. Nice work Erika....it's a nice city.

    Ciao, Joop

    RispondiElimina
  6. ciaooo!
    E grazie per la citazione :-)
    Complimenti per il bellissimo racconto!
    Anzi, una vera guida di viaggio :-)
    Tornassi indietro (o magari, chi lo sa, la prossima volta che ci vado) farei il giro in battello a Bruges!!!
    Un salutone e complimenti anche per le foto!!!

    RispondiElimina
  7. Grazie ancora Alessandro per i preziosi consigli. Anche a me piacerebbe tornare e visitare Gand e Liegi dove ho letto che c'è un castello magnifico.

    RispondiElimina
  8. Thanks Joop. it's very kind of you.

    RispondiElimina
  9. Molto interessante
    salutone tiziana

    RispondiElimina
  10. bene bene, quando andrò a Bruxelles o Bruges, saprò dove prendere spunti per le cose da vedere e i suggerimenti per risparmiare (sempre utili!)

    RispondiElimina
  11. Bruges è stupenda e tu sei bravissima.
    Buona domenica a te, un bacio

    RispondiElimina
  12. Questo me lo metto da parte, prima o poi ci dovrò andare. Grazie cara buona domenica.

    RispondiElimina
  13. Non sono mai stata da queste parti... Dovrò assolutamente rimediare! Baci

    RispondiElimina
  14. Grazie a te cara Tiziana.Scusa se non ti ho risposto prima ma ero fuori .

    RispondiElimina
  15. Baci anche a te, cara Eva *-*

    RispondiElimina
  16. Ciao Erika, B&B due posti che ho visto più volte e continuerei a rivedere!

    Ti auguro una Buona Pasqua
    Un abbraccio
    Ste

    RispondiElimina
  17. Anch'io caro Stefano. Un abbraccio.
    Erika

    RispondiElimina
  18. Ciao Erika ho appena letto il racconto sul tuo viaggio!!!complimenti!!Potresti togliermi alcune curiosità??io dovrei andare a marzo a Bruxelles,e come te farò tappa a brugges...
    1) su che sito posso prenotare il pullman k mi porta dall'aereoporto Cherleroi alla stazione Midi?
    2)Dove si acquista la Card della metropolitana?
    3)Io andrò nel week-end a bruge per usufruire degli sconti nel treno.Sono una ragazza di 20 anni,che promozione potrei avere per avere un maggiore sconto del biglietto??
    4) Quanto costa il giro nel batello a Brugge?
    Grazie e scusami per le troppe domande ma ci terrei ad avere tutto sotto controllo prima di partire! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Claudio grazie per i complimenti. Avrei voluto inviarti una mail ma non ho trovato i tuoi dati.
      Il pullman lo puoi prenotare qui:
      http://www.voyages-lelan.be/xml/page.html?LANG=fr&IDC=78
      La Card della metro la compri allo sportello che troverai all'interno della metro
      Il giro sul battello costa sui 7/8 euro
      Il biglietto del treno lo pagherai scontato del 50% nel week-end e per te che hai 20 anni ci sarebbe invece questo prezzo
      http://www.belgianrail.be/fr/titres-de-transport/billets/go-pass-1.aspx
      Se tu parli inglese e non francese guarda qui:
      http://www.belgianrail.be/en/travel-tickets.aspx
      Fammi sapere se hai letto queste info. Buon viaggio!!!

      Elimina

Grazie