lunedì 6 maggio 2013

Agriturismo Posta Guevara (2° parte gita a Pietramontecorvino e Bovino)

Ed eccomi a raccontarvi la continuazione della nostra gita di un giorno nei due paesi summenzionati.

Quando si fanno le gite non   si visitano     solo   monumenti, musei, chiese, non  ci si sofferma solo  ad  ammirare panorami  bisogna anche accontentare il palato. E noi siamo andati in un posto meraviglioso: l'Agriturismo "Posta Guevara".  Siamo stati accolti  calorosamente dalla proprietaria, Signora Lucia Di Domenico.
La Dottoressa ci ha spiegato che lei era un tecnico libero professionista, laureata in Architettura, ma  nel 2000, dopo aver ricevuto in donazione l'azienda agricola dalla mamma, appartenuta in precedenza ai nonni, medita  e decide di dare una svolta alla sua vita. Non vuole gettare al vento i sacrifici fatti dai suoi avi e così decide di creare questo Agriturismo a km 0 e di rinunciare alla sua professione.
Fa delle ricerche sulle diverse varietà di grano coltivato nella zona  e scopre che ce n'era una  di grano duro, Senatore Cappelli, che non viene più prodotta  e decide di  farla  coltivare di nuovo ed infatti la pasta che viene servita nel suo locale è di questo tipo di  semola.
Il frumento Cappelli, nonostante  sia alto (circa 150-160 cm) e  tardivo (matura in autunno)   ha  grande successo grazie alla sua rusticità ed alla eccellente qualità della sua semola.
Cappelli  ora è coltivato soprattutto   in BasilicataPuglia  per la produzione di pasta  di qualità superiore e pane e pizza biologici.
Poi ci ha anche parlato della farina di grano arso.  Un tempo, dopo la raccolta del grano, i   poveri non potevano permettersi la farina bianca  e così andavano a raccogliere i semi rimasti dopo la bruciatura delle stoppie, li macinavano ed ottenevano una farina scura.
Oggi la farina  è ottenuta attraverso la  tostatura e non la completa bruciatura del grano. Quel che si ottiene, però, è una farina dal gusto particolarissimo e dal colore scuro che caratterizza poi il prodotto finito.
Al  Posta Guevara  la proprietraia   ha creato  anche  una Masseria Didattica




Questo il nostro menu:
Selezione  ed assaggi di salumi e formaggi con marmellatine  dell'orto e composta  di cipolle rosse alla vaniglia.
Varietà di antipasti locali alla griglia, al forno e fritti (10 portate)
Cavatelli di grano arso e bianchi alla Guevara con cacioricotta  di Orsara
Tacconetti con grano  Senatore Cappelli  con verdure di campo
Maialino al forno in crosta di erbette aromatiche  con patate delle saline al forno ed insalata
Composta di arancia speziata
Tiramisù


Vi do appuntamento  fra qualche giorno per la terza ed ultima puntata.

12 commenti:

  1. •✰ •✰ •✰ •✰ •✰ •✰
    Bonjour chère Erika :)
    Je te remercie pour ces photos de ce bel endroit et de toutes ces bonnes choses à manger ! hum !!!! :)
    ça donne envie !!!!

    bon début de semaine et
    GROS BISOUS d'Asie!!!! :)
    •✰ •✰ •✰ •✰ •✰ •✰

    RispondiElimina
  2. Merci chère Nancy. Bisous d'Italie.

    RispondiElimina
  3. Una scelta coraggiosa quella della signora Di Lucia.Per molti il cambiamento sarebbe stato velleitario, lei invece c'è riuscita. Non resta che augurarle il successo per il suo agriturismo.

    RispondiElimina
  4. è interessante scoprire tante cose utili e soprattutto è stato bello ridare vita a qualcosa che non esisteva più.
    Baci

    RispondiElimina
  5. Ciao Erika con te e sempre un bel viaggiare senza trascurare il buon mangiare ciao buon pimeriggio
    Tiziano.

    RispondiElimina
  6. non vedo l'ora di leggere la 3a puntata <3

    RispondiElimina
  7. Ciao Erika, un reportage molto dettagliato e ricco di particolari, aspettiamo la terza parte, buon fine settimana, Angelo.

    RispondiElimina

Grazie